Terminologia Ippica: Cosa bisogna sapere per scommettere con successo

Terminologia Ippica: Cosa bisogna sapere per scommettere con successo

Come ogni altro sport, anche l’ippica ha le sue espressioni e parole. Non è certo necessario conoscere tutti i termini per essere uno scommettitore di successo, ma ce ne sono alcuni che è utile conoscere prima di piazzare una scommessa. Come si fa a sapere quando una gara sta per iniziare? In quali incrementi viene descritta la distanza tra i cavalli durante una corsa? Cosa sappiamo delle azioni di un cavallo nei giorni non di gara? Vediamo un po’ di terminologia ippica che si incontrano quando si decide di piazzare una scommessa.

Tempo di posta

Tempo di posta – Il termine più importante da conoscere nelle corse di cavalli è “orario di partenza” Si tratta dell’orario di partenza stabilito per una corsa di cavalli. È il momento in cui i cavalli vengono caricati nel cancello di partenza e sono pronti a correre. L’orario di partenza viene annunciato con largo anticipo, in modo che gli scommettitori abbiano il tempo di piazzare le loro puntate È importante notare che a volte ci sono dei ritardi. Questi possono essere causati da una serie di motivi, come problemi di attrezzatura o un cavallo che si ostina a non voler entrare nel cancello di partenza. Tuttavia, una volta iniziata, la corsa non si fermerà per questi ritardi. La corsa sarà rinviata solo se ci sono problemi con le condizioni della pista Anche se se ci sono ritardi, le corse dei cavalli iniziano quasi sempre molto vicino all’orario di inizio annunciato. Quindi, se volete scommettere, assicuratevi di farlo prima dell’inizio della corsa!

Distanza della gara

Distanza della gara – Il secondo termine da conoscere è “distanza”. La distanza è importante perché aiuta gli scommettitori a determinare quale cavallo è avvantaggiato. Alcuni cavalli sono più bravi sulle brevi distanze, mentre altri sono in grado di percorrere lunghe distanze senza affaticarsi. Molti ippodromi statunitensi utilizzano termini non standard che possono confondere le persone che non hanno familiarità con questo sport. Questo può portare all’utilizzo di un vocabolario unico da parte degli ippodromi e dei club sportivi. Ad esempio:

  • Furlong;
  • Lunghezza;
  • Collo;
  • Testa.

Furlong

Nelle corse di cavalli, il termine “furlong” è comunemente usato per indicare un ottavo di miglio. Le corse si svolgono su distanze di quattro furlong (0,50 miglia), cinque furlong (0,625 miglia), sei furlong (0,75 miglia) e sette furlong (0,875 miglia). Il più delle voltele corse sprint sono di sei furlong.

Il Kentucky Derby e le Preakness Stakes, due delle corse della Triple Crown dell’ippica, si disputano entrambe sulla distanza di un miglio e un quarto, o dieci furlong. Le gare più brevi, invece, si svolgono a frazioni di un miglio.

“Manca un furlong” è un esempio di come un annunciatore di pista può annunciare la distanza di una corsa. L’annunciatore informa il pubblico che manca un ottavo di miglio all’arrivo del leader.

Lunghezza

Il termine lunghezza viene spesso utilizzato per indicare la distanza tra i cavalli. La lunghezza corrisponde alle dimensioni del cavallo. Se un cavallo corre in coda, dietro a un altro cavallo, è indietro di una lunghezza. Quando Secretariat vinse la corsa di Belmont del 1973 con un margine record, vinse con un margine di 31 lunghezze.

Collo

Se i cavalli sono più vicini l’uno all’altro anche di mezza lunghezza, si usa spesso il termine “collo”. Un cavallo che si trova “solo una lunghezza di collo dietro” è posizionato una lunghezza di collo dietro al cavallo che lo precede.

Testa

La distanza massima che due cavalli possono raggiungere prima di essere legati è una testa dietro l’altra. Se un cavallo è solo una “testa” dietro, è il più vicino possibile al sorpasso del cavallo che lo precede; è a un “bob” o a una “falcata” dal sorpassare o legare il cavallo che lo precede.

Terminologia Ippica – Le basi delle scommesse sulle corse dei cavalli.

Ora che conoscete la terminologia di base delle corse di cavalli, potete iniziare a scommettere sulle corse di cavalli! Ci sono molti modi diversi di scommettere, ma ci concentreremo sui tre tipi di scommesse più comuni: vittoria, piazzamento e spettacolo.

Vittoria

La scommessa “vittoria” è il tipo di scommessa più semplice. Si scommette semplicemente sul cavallo che si pensa taglierà per primo il traguardo. Se il vostro cavallo vince, incassate la vostra vincita!

Piazzamento

La scommessa “piazzamento” è un po’ più complicata. Si scommette su un cavallo che arriva al primo o al secondo posto. Se il vostro cavallo arriva primo, incasserete le vincite in base alle probabilità del cavallo. Se il cavallo arriva secondo, si incassa comunque la vincita, ma di solito è inferiore a quella che si sarebbe ottenuta se il cavallo fosse arrivato primo.

Spettacolo

La scommessa “show” è la più complicata delle tre. Si scommette sul primo, secondo o terzo posto di un cavallo. Se il cavallo arriva primo, si riscuotono vincite basate su le quote del cavallo. Se il cavallo arriva secondo o terzo, si incassa comunque una vincita, ma di solito è inferiore a quella che si sarebbe ottenuta se il cavallo fosse arrivato primo.

Questi tre tipi si riferiscono alle scommesse dirette. Ma ci sono anche quelli esotici.

Scommesse esotiche sulle corse dei cavalli

Quinella

Scommesse esotiche sono più complicate dei tre tipi di scommesse di cui abbiamo già parlato. Di solito si tratta di scommettere su più cavalli in una singola corsa. Il tipo più comune di scommessa esotica è la “quinella”. Con questo tipo di scommessa, è necessario scegliere il primo e il secondo cavallo ma l’ordine è irrilevante. Se ci riuscite, incassate la vostra vincita!

Exacta

Un altro tipo comune di scommessa esotica è la “exacta” Con questo tipo di scommessa, dovete scegliere il primo e il secondo cavallo ma già nell’ordine esatto di. Questa è la differenza tra exacta e quinella. Se ci riuscite, incassate la vostra vincita!

Trifecta

Il terzo e ultimo tipo di scommessa esotica è la “trifecta”. Dovete scegliere il primo, il secondo e il terzo cavallo in una singola corsa nell’ordine giusto. È il tipo di scommessa più difficile, ma se ci si riesce, le vincite sono di solito molto alte!

Conclusione

Ora che conoscete le basi della terminologia delle corse dei cavalli e delle scommesse, siete pronti a scendere in pista! Buona fortuna e buone scommesse!

Read More

Posts not found

Sorry, no other posts related this article.

Leave a Reply

Your email address will not be published.